BURAN – La gravel molto, molto reattiva

FacebooktwitterFacebooktwitter

Costruiamo gravel ormai da molti anni, da prima ancora che questo termine fosse in uso in Italia. 

La nostra esperienza ci ha portato, ancora una volta, a costruire qualcosa di nuovo; nel caso di BURAN proponiamo un telaio che rappresenta un punto d’incontro tra la leggerezza, la reattività e la comodità su percorsi sterrati.

 

 

  • Telaio gravel in tubazione Deda Zero
  • Dettagli della tubazione: abbiamo usato la tubazione Deda Zero per mantenere la leggerezza, ma la solidità del triangolo principale è garantita da un tubo obliquo di grosso diametro. Il tubo orizzontale è sagomato così come i posteriori verticali, di un modello solitamente utilizzato per i telai da corsa. Tali posteriori però sono stati inseriti in una geometria del carro tale da mescolare in egual maniera prontezza sullo scatto ed elasticità sui settori sterrati.
  • Il tubo sterzo cilindrico oversize permette l’eventuale montaggio sia con forcelle con canotti di 1+1/8” (quindi anche di acciaio), sia con forcelle con canotto cilindrico 1+1/8” – 1+1/4”, che per le classiche cilindriche 1+1/8” – 1+1/2”.
  • Per come l’abbiamo concepita, la BURAN è proposta con:
    • Forcella in carbonio Deda Gravel F-71? Con clearance di 70mm
    • Guarnitura Ingrid Components modello POP (link)
    • Cambio e pignoni Ingrid Components 
    • Manopole e freni Shimano GRX 600 1×11
    • Ruote artigianali con cerchio in carbonio 28 raggi assemblate da Blow Racing (link)

 

Come ogni nostro telaio montaggio e finitura sono personalizzabili.

 

Il progetto BURAN è stato il progetto con il quale l’Unione Sovietica si stava mettendo in competizione con lo statunitense space Shuttle. Con il fallimento della politica revisionista della Perestroika, il progetto fu accantonato e infine chiuso; rimane però il fatto che le soluzioni tecnologiche adottate nel progetto BURAN fossero all’avanguardia e oggettivamente più affidabili di quelle utilizzate nel più famoso space shuttle.

Questo telaio rappresenta la nostra dedica a quella parte di mondo che nonostante le ristrettezze economiche è riuscita a dare il suo contributo al progresso dell’umanità.

FacebooktwitteryoutubeinstagramFacebooktwitteryoutubeinstagram