Gravel

Storia e caratteristiche

Le biciclette gravel (“ghiaia” in inglese) sono diventate popolari negli ultimi anni negli USA, dove le strade secondarie non vengono asfaltate, e quindi questa tipologia è nata come una necessità di adattare la bici da corsa allo sterrato.

Il risultato è una bici che ricorda le bici da cross, però è più comoda poiché si devono percorrere lunghe distanze. Ha quindi tubi meno verticali, il carro posteriore più lungo, e la scatola movimento centrale più bassa, per avere una maggiore stabilità. Il manubrio può essere da corsa o randonneur, le ruote tassellate o comunque più grandi di quelle da strada, e i freni sono a disco, per conferire frenate perfette e permettere il cambiamento veloce della ruota, per adattarsi con comodità alle esigenze dei percorsi.

 

Modelli speciali

In collaborazione con altre realtà, realizziamo modelli speciali di telai Gravel:

BRECCIA – La gravel italiana definitiva

AmarantA – La nostra gravel veloce

Gravel 100Miglia 

YURI – All-roads artigianale a prezzi contenuti

Tanzawa (progetto in allestimento per il Giappone)

Le nostre gravel

Di seguito alcuni esempi dei nostri telai GRAVEL.

Tubazioni particolari